Aumento di volume dei tessuti molli peri-implantari: indicazioni e nuove prospettive

SPONSOR FORUM: Regenerative and reconstructive surgery

Raffaele Cavalcanti

Le condizioni dei tessuti molli peri-implantari sono sempre più oggetto di attenzione da parte della comunità scientifica internazionale odontoiatrica. Ne è prova il fatto che i deficit di questi tessuti sono stati inseriti nella nuova Classificazione delle Malattie e Condizioni Parodontali e Peri-implantari. Nella moderna terapia implanto-protesica, quindi, la ricostruzione dei tessuti molli rappresenta sempre più un aspetto cardine del trattamento sia a fini funzionali che estetici. La letteratura più recente ha, infatti, confermato che la presenza di tessuto cheratinizzato di dimensioni adeguate intorno agli impianti è un elemento chiave per il mantenimento della salute e della stabilità nel tempo dei tessuti peri-implantari in senso lato, mentre l’incremento di spessore a livello dei tessuti molli riveste una grande importanza dal punto di vista estetico. A livello di opzioni terapeutiche, poi, diventa importante la scelta del “timing” della chirurgia di incremento dei tessuti molli da associare alle diverse tecniche, mutuate dalla chirurgia plastica parodontale, con o senza il ricorso a innesti di tessuto autologo. Più recentemente la ricerca ha dedicato interesse alle matrici in collagene quali sostituti degli innesti di tessuto molle autologo, al fine di ridurre la morbilità e il disagio post- operatorio per i pazienti. Durante la presentazione verranno illustrate, soprattutto attraverso casi clinici, le metodiche più efficaci per la correzione dei deficit dei tessuti molli in corrispondenza dei siti implantari.

Altri video da SPONSOR FORUM: Regenerative and reconstructive surgery

Alternative riabilitative implantoprotesiche, nelle atrofie settoriali, verticali ed orizzontali, dei mascellari

Marco Finotti

L'impianto post-estrattivo a carico immediato: protocolli operativi

Santo Garocchio

Tecniche di espansione delle creste sottili mandibolari con tecnica Deam

Antonio Scarano

E al termine della chirurgia rigenerativa e ricostruttiva...?

Mario Roccuzzo