Tecniche di espansione delle creste sottili mandibolari con tecnica Deam

SPONSOR FORUM: Regenerative and reconstructive surgery

Antonio Scarano

In caso di creste ossee estremamente sottili mandibolari (3-4 mm) la split crest tradizionale è difficile da attuarsi e poco predicibile. 
La tecnica Delayed expansion of atrophic mandible (DEAM) consente di espandere l’osso in due tempi. La prima fase è simile alla procedura tradizionale: dopo aver effettuato l’osteotomia coronale per una profondità di 5-6 mm, si esegue l’osteotomia di raccordo mesiale, distale e basale sempre con uno strumento piezoelettrico. Quindi senza espande si riaccolla il lembo e si aspetta 4 settimane, il tempo necessario a far riancorare le fibre del periostio all’osso corticale. Dopo il tempo stabilito (4 settimane) si esegue un lembo a spessore parziale e si procede ad espande con gli scalpelli le pareti ossee. Si posizionano gli impianti e tra le due corticali viene riempito con osso autologo recuperato dal fresaggio, osso bovino e Autologous platelet gel. Dopo 3 mesi di guarigione ossea si esegue la riapertura degli impianti secondo il protocollo standard.
Durante la presentazione sarà descritta nei dettagli la tecnica DEAM.

Altri video da SPONSOR FORUM: Regenerative and reconstructive surgery

Aumento di volume dei tessuti molli peri-implantari: indicazioni e nuove prospettive

Raffaele Cavalcanti

Alternative riabilitative implantoprotesiche, nelle atrofie settoriali, verticali ed orizzontali, dei mascellari

Marco Finotti

L'impianto post-estrattivo a carico immediato: protocolli operativi

Santo Garocchio

E al termine della chirurgia rigenerativa e ricostruttiva...?

Mario Roccuzzo