La terapia di supporto personalizzata in funzione del tipo di restauro

Corso di Aggiornamento SIdP - ottobre 2018

Chiara Camorali

Nella  Terapia di Supporto la prevenzione di recidive di patologie dentali e parodontali al termine della fase attiva del trattamento odontoiatrico è uno degli obiettivi principali. Nei pazienti in cui la perdita di struttura dentale, di supporto parodontale o di elementi dentali ha reso necessario un trattamento complesso  la coesistenza di elementi naturali, di restauri di conservativa o protesi su denti e/o su impianti caratterizza la diverse fasi della Terapia di Supporto.  Il debridement professionale deve essere personalizzato in base alle caratteristiche cliniche evidenziate nella fase di valutazione. La rimozione professionale di biofilm effettuata  con cautela scegliendo gli strumenti e i metodi di strumentazione più appropriati in base al tipo di restauro e senza danneggiare i margini o la superficie degli stessi. Una strumentazione non congrua infatti può causare aumento della ruvidità di superficie  del restauro e la formazione di nicchie ritentive di placca sulla radice e ai margini  del restauro; ciò comporta un aumento di velocità di formazione  e maggior ritenzione di placca. Infiammazioni gengivali e carie secondarie ne sono diretta conseguenza.

La frequenza dei richiami periodici deve essere personalizzata in rapporto al livello di rischio di recidive per carie, per parodontite, peri-implantite ed è condizionata dalla compliance del paziente.

Altri video da Corso di Aggiornamento SIdP - ottobre 2018

Inizio del percorso: conoscere il paziente - Gli elementi chiave del piano di trattamento perio-restaurativo

Alessandro Agnini

Le lesioni cervicali - Salute parodontale e terapia conservativa

Mario Alessio Allegri

Inizio del percorso: conoscere il paziente - Gli elementi chiave del piano di trattamento perio-restaurativo (parte prima)

Guido Fichera

Inizio del percorso: conoscere il paziente - Gli elementi chiave del piano di trattamento perio-restaurativo (parte seconda)

Guido Fichera

L’evidenza scientifica e l’esperienza clinica del Parodontologo e del Protesista

Alberto Fonzar e Massimo Fuzzi

Le lesioni interprossimali - Salute parodontale e terapia conservativa

Carlo Ghezzi

Il ruolo dell’Igienista Dentale nel trattamento chirurgico-conservativo delle lesioni cariose

Carlo Ghezzi

Il ruolo dell’Igienista Dentale nel trattamento combinato chirurgico-restaurativo delle lesioni cervicali non cariose

Matteo Marzadori

Le lesioni interprossimali - Salute parodontale e terapia conservativa

Gaetano Paolone

L’influenza dell’anatomia dento-parodontale sulle strategie dell’Igienista Dentale nel paziente sottoposto a terapia restaurativa

Giano Ricci

Inizio del percorso: conoscere il paziente - Gli elementi chiave del piano di trattamento perio-restaurativo

Giano Ricci

L’influenza delle dimensioni e della localizzazione delle carie nella sequenza operativa dell’Igienista Dentale in terapia causale

Mascia Ronconi

Guarigione e maturazione dei tessuti post intervento chirurgico di allungamento di corona clinica per lesioni non cariose: timing operativo

Germana Uliana