L’airpolishing nella prevenzione delle carie e delle malattie parodontali

Magda Mensi

Carie e malattia parodontale rappresentano 2 delle malattie più prevalenti al mondo e sono causa di problemi non solo legati alla salute orale e sistemica, ma anche all’aspetto psicologico e funzionale del paziente nonché un problema socio-economico rilevante. I sistemi di prevenzione primaria devono perciò rappresentare un’importante parte del nostro lavoro, coinvolgendo igienisti dentali e pazienti nel team! Programmi di screening per la diagnosi precoce, tecniche mini-invasive per evitare l’insorgenza della patologia o per intervenire nelle fasi iniziali, prodotti di mantenimento domiciliare e presidi adeguati richiedono un sistema organizzato, sistematico e autoalimentato: tutte le parti devono sostenersi a vicenda e devono credere nell’enorme vantaggio della prevenzione.
In quest’ottica si inserisce l’airpolishing come metodo innovativo e rivoluzionario per la profilassi e per il mantenimento. Grazie all’introduzione sul mercato di apparecchiature dedicate che garantiscono potenza controllata, acqua calda e tecnologia no pain e della polvere di eritritolo, ancora più delicata della glicina, ma altrettanto efficace, siamo oggi in grado di rendere piacevole la seduta di richiamo professionale, abbreviare i tempi operativi guadagnandone in comunicazione e informazione a 360°. Ma, come diceva Jim Rohn, non si può parlare di ciò che non si conosce ecco perché il desiderio di condividere evidenza ed esperienza su questi promettenti device per la prevenzione.

Prossimi video

La gestione tissutale nell’impianto post estrattivo immediato nella zona estetica

Marco Finotti

Estetica in implanto-protesi: mito o realtà?

Diego Lops

I biomateriali per la rigenerazione ossea

Antonio Scarano