Malattia parodontale e diabete: implicazioni cliniche per il trattamento non-chirurgico

Cristiano Tomasi

Negli ultimi decenni stiamo assistendo ad un invecchiamento della popolazione italiana con un aumento della prevalenza di alcune patologie croniche, come ad esempio il diabete. Inoltre è ormai ampiamente dimostrato come ci sia una forte relazione tra la sindrome metabolica e la malattia parodontale, sia da un punto di vista di trattamento che di prevenzione.
L´ottenimento del controllo dell´infezione attraverso la strumentazione della radice (scaling e root planing), unita ad efficaci misure di controllo di placca sopra-gengivali, ottiene questo scopo alterando l'ambiente ecologico sotto-gengivale grazie alla rottura del biofilm microbico e alla soppressione dell'infiammazione.
Una valutazione attenta delle condizioni sistemiche del paziente ed una conoscenza approfondita dei potenziali risultati clinici dei diversi approcci, come si evincono dalla letteratura, possono aiutare a prendere le decisioni più corrette per ogni paziente.

Prossimi video

Terapia chirurgica e non chirurgica in Parodontologia: obiettivi, possibilità e limiti

Roberto Abundo

Stabilità a lungo termine del margine gengivale. Follow up a 9 anni dalla chirurgia mucogengivale

Raffaele Acunzo